PEC: un nome, una garanzia

giugno 19, 2013 at 1:54 pm

Sono oltre 3 milioni le imprese individuali che entro il 30 giugno, devono dotarsi e comunicare al Registro Imprese il proprio indirizzo di  Posta Elettronica Certificata per assolvere a un obbligo di legge già previsto per le società.

Ma quando si parla di PEC, esattamente di cosa si tratta e a cosa serve?       

PEC è appunto l’acronimo di Posta Elettronica Certificata ed è un sistema che serve a garantire al mittente la certezza, con valore legale, dell’invio e della consegna dei messaggi e-mail al destinatario.

Sono infatti caratteristiche esclusive della PEC: l’ autenticità, ovvero attesta la volontà del titolare di sottoscrivere un documento informatico, la paternità,  attesta l’identità di colui che ha firmato il documento, l’ integrità, rende noto se il documento viene modificato dopo l’apposizione della firma e il  non ripudio, che riconduce con certezza il documento firmato al titolare della firma.

Quando va utilizzata?

La PEC va utilizzata tra utenti privati in  tutti i casi in cui sussiste la necessità di comunicare tramite Raccomandata con Ricevuta di ritorno in quanto il valore legale è lo stesso.

Inoltre le aziende la usano per comunicare con le Camera di Commercio e le Altre Pubbliche amministrazioni digitalizzate. In particolare, la PEC va usata per l’invio di documenti informatici come: bilanci, atti societari, fatture, notifiche, moduli per l’iscrizione a pubblici registri, comunicazioni alla Pubblica Amministrazione.

Quali vantaggi procura?

La PEC può aiutare le imprese a ridurre i costi in quanto sostituisce la carta in molti processi e permette di stipulare rapporti contrattuali, anche a grandi distanze, senza necessità di spostamenti di persone o di spedizioni di materiale.

La Camera di Commercio di Milano ha attivato una casella di posta elettronica certificata al seguente indirizzo: protocollo.cciaa@mi.legalmail.camcom.it

E per chi non ce l’ha ancora, come si richiede la Pec?

L’indirizzo Pec può essere richiesto a uno dei gestori autorizzati indicati in quest’elenco www.digitpa.gov.it/pec_elenco_gestori

Una volta ottenuto l’indirizzo PEC come comunicarlo al Registro Imprese?

Innanzitutto bisogna avere un dispositivo di firma digitale. Presso la Camera di Commercio di Milano è disponibile presso gli sportelli RAO.

La comunicazione va fatta in forma telematica all’indirizzo www.registroimprese.it – sezione Pratica Semplice. E’ una procedura gratuita. Attenzione! Perché vada a buon fine il pc deve avere una versione di Java non inferiore all’1.6

E se serve aiuto?

E’ possibile rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Camera di Commercio di Milano o contattare il Contact Center  all’800 226 372

Info sul sito dell’Agenzia per l’Italia digitale: http://www.digitpa.gov.it/

Per quanto riguarda le ditte individuali la mancata comunicazione entro il 30 giugno 2013 comporta la sospensione, fino a 45 giorni, di qualunque successiva e ulteriore domanda anagrafica di variazione, presentata dal 1^ luglio in poi.

Dopo il periodo di sospensione previsto, pur non essendo previste sanzioni,  tali pratiche verranno respinte in quanto considerate come non presentate: per la loro regolarizzazione andranno presentate ex-novo.