Ad
Archivio

5 step per aprire una startup

La tua startup in 5 step
La tua startup in 5 step

Aprire una startup significa lanciarsi in un’avventura che può diventare molto rischiosa se non si hanno delle basi solide. In 5 step, ecco un percorso da seguire per evitare di cadere in trappola!

1. Avere un’idea forte, semplice da spiegare ma difficile da replicare e che vada a rispondere ad un bisogno concreto. Qurami, ad esempio, è un’applicazione che fa evitare all’utente di perdere tempo in coda allo sportello (siano le poste o un negozio di telefonia), prenotando dallo smartphone il proprio turno.

2. Colmare le lacune imprenditoriali con lo studio. La formazione è importante. Per aprire una startup è necessario sapere come  “vendere” la propria idea e gestire un’azienda. Negli anni sono nati corsi e scuole apposta per questo segmento di mercato, come InnovAction Lab e SeedLab

3.  Indagare il mercato di riferimento, essere consci delle potenzialità e delle criticità del prodotto, stendere un piano aziendale. Tutto questo viene definito all’interno del Business Plan, documento fondamentale per aprire una startup o qualsiasi attività imprenditoriale. Un aiuto può pervenire dal Punto Nuova Impresa di Formaper, che fornisce assistenza personalizzata e orientamento a chi vuole aprire una startup.

4.  Trovare dei finanziatori che credano nel progetto. Non è mai consigliabile aprire un’attività solo con i propri risparmi. Un’opzione è ricorrere alla cosiddetta “tripla F”: Family, Friends & Fools. In assenza (o in aggiunta) si può far riferimento, ad esempio, ai bandi di contributo che l’Unione Europea pubblica spesso a favore delle PMI e delle startup innovative, ed è sempre consigliabile tenerne d’occhio il sito.

5. Pensare ai clienti.  Bisogna tenere a mente che ogni startup (innovativa o meno), azienda o servizio vive sulla soddisfazione del proprio target di riferimento. La user experience è fondamentale, poiché saranno i primi clienti a delineare cosa funziona meglio e cosa funziona meno. In questo post di Paul Graham, venture capitalist, si sottolinea l’importanza dei primi clienti, paragonandoli a consulenti d’azienda: possono indirizzare la startup verso il successo. Basta ascoltarli.

Imparati gli step, siete pronti a partire?

 

Scrivi un commento